Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

1989 - La nuova sede del Museo di Antichità nei Giardini di Palazzo Reale

Nei primi anni ‘70 del Novecento iniziano i lavori di ristrutturazione e adeguamento alla futura funzione museale delle Serre di Palazzo Reale, individuate come nuova sede autonoma del Museo di Antichità. I lavori sono a cura dell’architetto Caterina Fiorio che si occupa anche della realizzazione dei necessari settori tecnici, depositi, laboratorio di restauro e sale studio. I pure ampi spazi ottenuti risultano tuttavia insufficienti per un museo che si arricchisce continuamente di nuovi reperti grazie agli scavi condotti, in particolare a partire dagli anni '80 in relazione alla intensa e assidua attività di tutela operata, dalla Soprintendenza Archeologica del Piemonte. Si decide, pertanto, di riservare l’edificio delle Orangeries alle collezioni storiche e di realizzare per le nuove acquisizioni dal territorio piemontese un padiglione di nuova concezione. 

Riaperte al pubblico nel 1989, con ingresso da Corso Regina Margherita, le Orangeries accolgono inizialmente, oltre alle collezioni storiche, solo una esposizione ridotta dei reperti piemontesi.

Il nuovo padiglione, progettato e realizzato dagli architetti Roberto Gabetti e Aimaro Origlia d’Isola con la partecipazione di Guido Drocco è inaugurato nel 1998. La struttura, parzialmente sotterranea e illuminata da una copertura a grandi vetrate come una moderna serra, si inserisce con garbo nel paesaggio storicizzato dei Giardini reali inferiori. Corridoi vetrati conducono in un suggestivo percorso attraverso i giardini, collegando il Padiglione del territorio alle Orangeries e alle sale semisotterranee della Manica Nuova di Palazzo Reale, prossima sede dell'esposizione “Archeologia a Torino”, dove sono collocati l’attuale ingresso da via XX Settembre e la biglietteria.

Il percorso interno è organizzato lungo una rampa elicoidale continua che si svolge verso il basso e ospita i reperti come se il visitatore li “ritrovasse” scendendo in un grande scavo archeologico condotto attraverso lo spazio e il tempo, a partire dal Rinascimento fino alla preistoria più antica. Una passerella centrale permette il collegamento diretto tra la Manica nuova e le Orangeries.

Archeologia a Torino

Il Museo di Antichità di Torino prepara la sua terza sezione dedicata all’archeologia della città, intenzionalmente non inserita nel Padiglione del Territorio piemontese progettato dagli architetti Roberto Gabetti e Aimaro Isola e inaugurato nel 1998, dove si espongono i ritrovamenti del territorio piemontese, ad eccezione appunto di Torino

Leggi tutto

In primo piano

Info

Indirizzo:
Piazzetta Reale 1 - 10122 Torino

Telefono:
+39 011.5212251    +39 011.5211106

E-mail:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


ORARI

da martedì a domenica 9.00 - 19.00


Si avvisano i visitatori che per motivi di sicurezza non è possibile accedere ai Musei Reali con zaini, borsoni, trolley o altri tipi di bagagli di medie o grandi dimensioni

Sei qui: Home Storia del Museo 1989 - Il Museo di Antichità oggi